Cronache dalla foresta vol. 6

Siamo ormai alla fine di questo pazzo 2020 ed è arrivata l’ora di fare un bilancio generale e capire com’è andato quest’anno.

Essebie è cresciuta, un po’ come tutti noi, e si è trasformata. Da qualche anno ormai stiamo cambiando approccio e poniamo la nostra attenzione su piccoli dettagli che possono fare la differenza, non solo per l’atmosfera che si respira in azienda, ma anche e soprattutto per il contesto in cui viviamo e lavoriamo.

Quest’attenzione all’ambiente che ci circonda è aumentata giorno dopo giorno, mese dopo mese, e quest’anno vi abbiamo raccontato alcune delle nostre iniziative proprio su questo blog.

Speriamo di avervi dato degli spunti interessanti, o magari avervi ispirato a lasciare da parte le tazzine usa e getta del caffè. La nostra idea era proprio questa: creare uno spazio in cui Essebie potesse raccontarsi e condividere piccole pratiche che magari avrebbero potuto mettere la pulce nell’orecchio di qualche altra realtà come la nostra, ma senza alcuna presunzione.

Quest’anno abbiamo messo le basi, o meglio le radici, di un grande progetto che abbiamo battezzato “metodo foresta” e si pone l’obiettivo di contribuire a riforestare una delle aree colpite duramente dalla tempesta di Vaia. È il nostro modo per dire grazie alla terra e renderle qualcosa indietro rispetto a tutto quello che lei ci regala. È un modo per coinvolgere anche i nostri clienti e renderli a tutti gli effetti parte della nostra famiglia. È un punto di partenza che ci permetterà di integrare sempre di più l’ambito lavorativo con l’ambiente naturale e ci darà la possibilità di far partire diverse iniziative parallele che vi sveleremo molto presto.

Il 2020 per Essebie è stato un anno in cui abbiamo pensato molto, a ciò che siamo stati e a quello che potremmo essere. In questi ultimi mesi abbiamo messo in atto quello che ci piace definire un processo di evoluzione, perché non è stato un cambiamento radicale, bensì una serie di step che abbiamo compiuto e che ci hanno portato avanti nel nostro percorso.

Questo ultimo articolo dell’anno è un modo per ringraziare voi che ci leggete e ci accompagnate in questo cammino tortuoso, ma è anche un augurio affinché l’anno che verrà possa essere colmo di occasioni e momenti di crescita e di formazione. Speriamo che ognuno di voi continui il proprio percorso e trovi la propria strada, così come stiamo facendo noi da qualche tempo.

Forse è presto per dirlo, ma ci rivedremo a Gennaio e quindi: Buon Natale!